Cantine Bonsegna Nardò

 

La nostra storia

 
 
 
 

 
L’azienda nasce nel lontano 1964, per volere di Primo Michele Bonsegna. Ci troviamo a Nardò, patria del nobile Negroamaro, della dolce Malvasia nera e del più robusto Primitivo. La cittadina pugliese era un tempo uno dei feudi più estesi d’Italia, con un numero di vitigni tra i più grandi del Salento. La cantina si trova nel centro della cittadina di Nardò, in una suggestiva costruzione risalente ai primi anni del novecento.
 
 
 
interno_cantina
 
 
 
 
 

Passione e tradizione

 
Dal 1991 l’azienda è gestita dal figlio di Primo Michele, Alessandro, che ha ereditato non soltanto la conduzione ma anche l’amore e la grande passione per un lavoro faticoso e impegnativo, ma ricco di soddisfazioni professionali. I vigneti delle Cantine Bonsegna a Nardò sono suddivisi in venticinque ettari, localizzati interamente nell’agro della cittadina pugliese, in parte nelle contrade storiche e in parte nelle immediate vicinanze della meravigliosa area protetta del Parco Nazionale di Portoselvaggio.
 
 
 

Amore per la natura

 
Siamo molto attenti al rispetto delle piante e della natura. Per questo utilizziamo esclusivamente sistemi di produzione integrata, con l’intento di limitare al minimo l’uso di fitofarmaci e concimi. Oltre alle uve autoctone di Primitivo, Malvasia Nera di Lecce e Negroamaro, vengono coltivate anche uve non autoctone che, da anni, sono ampiamente diffuse sul territorio salentino: Chardonnay, Garganega e Malvasia Bianca, per quanto riguarda le uve a bacca bianca, e Sangiovese e Cabernet Sauvignon per quelle a bacca nera.
 
 
 

La produzione

 
La nostra struttura è caratterizzata da architetture tipicamente leccesi, impreziosite da volte ad ogiva. La produzione della nostra azienda si attesta intorno alle 150.000 bottiglie. Molto richiesta è la vendita di vino sfuso direttamente in cantina. Dal 2007 viene prodotto un vino top, il Primo, nato da un uvaggio di Negroamaro e Primitivo, con affidamento in legno piccolo. Alessandro Bonsegna ha deciso di dedicare questo vino al padre, a testimonianza della dedizione e della profonda passione dimostrata. Il prodotto uscirà solo nelle annate che lo permetteranno.